• Via Corte Ferrighi, 16/a - Noventa Vicentina | Contattaci: +39 0444 885834

    Vaccini COVID-19: Il Parlamento UE chiede la revoca dei brevetti

    11.06.2021

    Vaccini COVID-19: Il Parlamento UE chiede la revoca dei brevetti





    Con la risoluzione del 10 giugno gli eurodeputati chiedono una deroga temporanea all’accordo TRIPS per consentire l’accesso globale a vaccini e terapie a costi abbordabili






    vaccino covidPer velocizzare il dispiegamento a livello globale dei vaccini COVID-19, gli eurodeputati hanno richiesto una revoca temporanea della protezione dei diritti di proprietà intellettuale.

    Sommario

    La risoluzione del Parlamento UE

    Nella risoluzione adottata giovedì 10 giugno 2021 (355 voti favorevoli, 263 contrari e 71 astensioni), il Parlamento UE ha chiesto una deroga temporanea all’accordo TRIPS dell’OMC, per perseguire l’obiettivo di migliorare l’accesso globale ai terapeutici connessi al COVID-19 a costi abbordabili, ed affrontare i vincoli della produzione mondiale e le carenze nell’approvvigionamento (testo in calce).

    Licenze volontarie

    Per gli eurodeputati, gli accordi volontari di licenze (nei quali lo sviluppatore del vaccino decide a chi e a quali condizioni il brevetto può essere concesso in licenza per la produzione) e il trasferimento volontario di tecnologia e di competenze tecniche verso i paesi in cui esistono industrie produttrici di vaccini, rappresentano una modalità per accelerare la produzione globale nel lungo termine. Al fine di bypassare le difficoltà di produzione, i deputati hanno chiesto all’UE di “eliminare rapidamente le barriere all’esportazione e a sostituire il proprio meccanismo di autorizzazione all’esportazione con requisiti di trasparenza delle esportazioni”. Da parte loro, Stati Uniti e Regno Unito dovrebbero “abolire immediatamente il loro divieto di esportazione di vaccini e delle materie prime necessarie per produrli”. I deputati, hanno infine evidenziato che occorrono 11 miliardi di dosi per vaccinare il 70% della popolazione mondiale, e che è stata prodotta solo una piccola parte di tale quantità.

    La protezione della proprietà intellettuale

    Nella risoluzione, tra gli altri aspetti, è stato sottolineato che la protezione della proprietà intellettuale rappresenta un incentivo fondamentale per l’innovazione e la ricerca in tutto il mondo, al contempo rilevando che detta tutela costituisce la base degli accordi volontari di licenza e del trasferimento delle competenze e, pertanto, è un elemento che migliora, e non che ostacola, la disponibilità di vaccini, ed avvertendo che, in un paradigma di inapplicabilità dei brevetti, le società dovrebbero ricorrere alla segretezza o all’esclusività per proteggere le loro innovazioni.

    Produzione di vaccini in Africa

    L’UE deve sostenere le capacità produttive in Africa, dove solo lo 0,3% delle dosi di vaccino somministrate a livello mondiale (circa 1,6 miliardi di dosi) è stato erogato nei 29 paesi più poveri, mentre la maggior parte di esse è stata distribuita nei paesi industrializzati e produttori di vaccini.

    Trasparenza per i vaccini di prossima generazione

    Infine, i deputati invitano l’UE ad assicurare che i futuri accordi preliminari di acquisto siano esaurientemente divulgati, specie per i vaccini di prossima generazione, oltre a comportare requisiti di trasparenza per i fornitori.

    La competenza

    Ogni decisione sulla revoca dei diritti di proprietà intellettuale deve essere presa dal Consiglio nel contesto della sessione dell’8-9 giugno (la Commissione ha presentato una proposta che non include la revoca). In un dibattito antecedente all’adozione della risoluzione, diversi gruppi politici del Parlamento si erano espressi a favore della revoca.

    Quotidiano Giuridico pubblica lo Speciale Emergenza Coronavirus, la rubrica per approfondire gli impatti che il diffondersi della pandemia ha generato in tema di giustizia civile, penale e amministrativa, contratti, previdenza e lavoro, compliance ex 231/2001, privacy, ordinamento penitenziario, fisco e molto altro.

    Consulta lo Speciale



    Codici e Ebook Altalex Gratuiti

    Tutti i diritti del presente articolo sono riservati. Fonte: Altalex

    I commenti non sono abilitati.