concorsi protocolloIl 15 aprile è uscito il nuovo Protocollo per lo svolgimento dei concorsi pubblici emesso dal Ministero della Pubblica Amministrazione (testo in pdf). Durata massima delle prove stabilita in 60 minuti, obbligo di tampone da presentare all’ingresso, mascherina solo FFP2 per tutta la durata delle prove. Niente cibo, solo bevande durante gli esami.

Leggi anche >> Concorsi pubblici: la semplificazione penalizza i più giovani

Prove selettive in presenza: il Protocollo

Dopo la Riforma Brunettta, arriva il Protocollo che disciplina le modalità pratiche di svolgimento delle prove dei concorsi pubblici nel periodo di emergenza.

L’art. 10 comma 9 del D.l. 44/2021, attualmente in fase di conversione, prevede che dal 3 maggio possano svolgersi in presenza le procedure selettive dei concorsi pubblici.

Come previsto dalla riforma, non tutti i concorsi avranno la fase di preselezione. In alcuni casi le procedure si svolgeranno con valutazioni curriculari. Ma per quei concorsi nei quali sarà salvaguardato lo svolgimento della prova di selezione in presenza, il Protocollo detta le regole da osservare, validate dal Comitato tecnico scientifico.

La novità più importante del Protocollo è l’indicazione della durata massima delle prove, che per restare contenute nei 60 minuti stabiliti, dovranno presumibilmente svolgersi con quiz o risposte a domande, e non con un elaborato scritto che richiederebbe certamente un tempo più lungo.

A cosa devono prestare attenzione i candidati

In base al nuovo Protocollo, i candidati dovranno presentarsi presso la sede di concorso muniti di referto di test rapido o molecolare, effettuato con tampone eseguito non più di 48 ore prima della data di svolgimento delle prove. Nel Protocollo si raccomanda di effettuare il test e presentare all’ingresso l’esito del tampone anche se si è già vaccinati.

E’ necessario presentare una autocertificazione nella quale dichiarare di non avere febbre, tosse, difficoltà respiratoria, perdita o alterazione dell’olfatto o del gusto, e di non essere in quarantena, isolamento fiduciario o divieto di allontanamento dall’abitazione per misure anti Covid.

Dal momento dell’accesso fino all’uscita i candidati dovranno indossare la mascherina FFP2 che sarà fornita dall’amministrazione e salvo documentate esigenze, dovranno presentarsi da soli e privi di bagaglio.

In caso di rifiuto di presentare le autodichiarazioni prescritte o in caso di mancanza di mascherina, sarà inibito l’accesso alla sede concorsuale.

In ogni caso, prima di accedere alla sede della prova, sarà rilevata la temperatura con termoscanner, e sarà inibito l’ingresso a chi presenti una temperatura superiore ai 37,5 gradi. Tra i candidati dovrà essere garantita una distanza di almeno 2,25 mt

Date le particolari cautele da adottare nella fase di identificazione dei candidati, è possibile che siano individuati orari scaglionati per presentarsi alla sede della prova. In ogni caso i candidati riceveranno una pec con tutte le istruzioni

Durante lo svolgimento della prova non ci si potrà allontanare dal posto se non per accedere ai servizi igienici ed è proibito il consumo di alimenti (sarà ammessa solo la possibilità di portare con sé bevande).

PROTOCOLLO PER LO SVOLGIMENTO DEI CONCORSI >> SCARICA IL PDF

Pluris, CEDAM, UTET Giuridica, Leggi d’Italia, IPSOA  ti presentano One LEGALE: la nuova soluzione digitale per i professionisti del diritto con un motore di ricerca semplice ed intelligente, la giurisprudenza commentata con gli orientamenti (giurisprudenziali), la dottrina delle riviste ed i codici commentati costantemente aggiornati.

Attiva subito la prova gratuita di 30 giorni

Tutti i diritti del presente articolo sono riservati. Fonte: Altalex